La deriva dei continenti e la tettonica delle zolle (o placche)

deriva_1

Come abbiamo visto qui sul mantello terrestre “galleggiano” le zolle , cioè enormi porzioni di crosta terrestre (continentali o oceaniche). I movimenti delle zolle, spiegati e studiati dalla teoria chiamata tettonica delle zolle (o placche), sono la causa di numerosi fenomeni geologici tra cui l’attività sismica (i terremoti), l’orogenesi (la nascita delle montagne), la disposizione dei vulcani ecc.

Se osserviamo un planisfero possiamo notare delle enormi distese di terraferma circondate dalle acque degli oceani e dei mari. Si tratta dei continenti: l’America (settentrionale e meridionale), l’Africa, l’Oceania, l’Antartide, l’Europa e l’Asia. In realtà questi due ultimi continenti dal punto di vista geografico costituiscono un unico grande continente – l’Eurasia – perché tra Europa ed Asia non c’è una distinzione territoriale netta. A differenziare i due continenti sono soprattutto fattori culturali, storici, sociali legati ai popoli che li hanno abitati e li abitano tuttora.

Questa disposizione dei continenti che possiamo osservare oggi è il risultato di un processo iniziato centinaia di milioni di anni fa e chiamato “deriva dei continenti”.

Secondo gli studiosi dai 500 ai 200 milioni di anni fa sulla Terra esisteva un solo grandissimo continente, chiamato Pangea e circondato da un oceano immenso, detto Panthalassa.

deriva_2

In seguito, circa 180 milioni di anni fa, i movimenti delle zolle aveva portato ad una prima frattura, separando una massa continentale a nord, detta Laurasia, e una massa continentale a sud, detta Gondwana, divise da un mare chiamato Tetide o Mare di Thetys.

deriva_3

Successivamente, 130 milioni di anni fa circa, America del Nord ed Eurasia (cioè l’Europa più Asia) cominciarono a differenziarsi, mentre America del Sud, Africa e Antartide erano ormai completamente staccate.

deriva_4

Infine, nei successivi 90 milioni di anni, il continuo movimento delle placche ha portato alla forma e alla disposizione dei continenti attuali.

deriva_5

Se proviamo a ritagliare la sagoma dell’America meridionale e la “incastriamo”  a sinistra dell’Africa come in un puzzle, possiamo verificare che i due confini combaciano. Questa è un’ulteriore conferma che in un passato lontanissimo esisteva un solo grandissimo continente.

scarica PDF dell’articolo

Ecco una semplice animazione della teoria della deriva dei continenti.

Questo, invece, è il trailer del fortunato film “L’era glaciale 4 – La deriva dei continenti” in cui la stessa teoria viene spiegata in modo simpatico e scherzoso.

Annunci

2 pensieri su “La deriva dei continenti e la tettonica delle zolle (o placche)

  1. Pingback: Come nascono le montagne? L’ orogenesi | Storia & Geografia

  2. Pingback: Una montagna particolare: il vulcano | Storia & Geografia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...